+39 049 8702172
Contattaci
+39 049 8702172

Monthly Archives: agosto 2013

CATIA Versione 6 Release 2013x

scritto da global il 6 Agosto 2013

 

CATIA V6 esalta la capacità di innovazione di aziende di tutte le dimensioni e in tutti i settori, grazie a soluzioni di progettazione con una produttività senza precedenti, costruite su una piattaforma concepita per la collaborazione. CATIA V6 mette a disposizione tutta la gamma di attività di progettazione virtuale collaborativa di nuova generazione, fra cui ingegnerizzazione dei sistemi, progettazione di forme, ingegneria meccanica e riutilizzo del patrimonio di conoscenze e competenze dell’azienda.

CATIA V6 ridefinisce il CAD a partire dalla definizione puramente fisica del prodotto, estendendolo dal mock-up digitale a quello fisico, prendendo in considerazione tutte le viste necessarie allo sviluppo del prodotto (requisiti, funzioni, logica e fisica). Concepita per funzionare su una piattaforma PLM 2.0, CATIA V6 è una soluzione 3D collaborativa che mette in contatto i progettisti con gli utenti CAD non specialisti.

Tra gli altri, segnaliamo:

CATIA Live Rendering migliora le prestazioni e consente il rendering di diverse immagini fotorealistiche in background, mentre l’utente prosegue il lavoro con CATIA. L’utente continua a progettare con CATIA mentre le immagini vengono renderizzate, senza alcun impatto sulle prestazioni. Tutte le operazioni di rendering avvengono in brackground; a seconda dell’hardware disponibile, il rendering in background girerà su CPU, scheda grafica o entrambe. Resta la possibilità di monitorare e gestire la coda anche quando CATIA è chiuso.

 

CATIA Natural Sketch introduce nuove funzionalità, raggiungendo un grado di maturità avanzato e fornendo funzionalità evolute che rispondono alle reali esigenze dei designer creativi. Queste migliorie consentono, ad esempio, di utilizzare curve grezze iniziali come supporto, così come le superfici. L’utente può disegnare direttamente in 3D, sfruttando il lavoro fatto nella creazione delle curve grezze. Il processo è più efficiente, veloce e intuitivo: non è più necesssario ridisegnare lo stesso modello. Altre migliorie consentono di modificare il tratto e il colore del pennello e di posizionare con maggiore precisione le immagini nel contesto 3D, per utilizzarle come modelli o supporti.

CATIA V5-6R2013 favorisce l’eccellenza nella progettazione

scritto da global il 6 Agosto 2013

 

La collaborazione esclusiva a livello di feature fra V5 e V6 dimostra il costante arricchimento di CATIA V5.

In sintesi:

  • Arricchimento della V5 con tecnologia V6 e maggiore compatibilità V6-V5
  • Nuovo prodotto CATIA 2D Layout Browser per semplificare l’interscambio di file nella supply chain
  • Nuovo prodotto CATIA Composites Fiber Modeler
  • Supporto STEP AP242
  • Numerose migliorie per ottimizzare il flusso di lavoro delle superfici in Classe A

“Siamo riusciti a prendere 80 anni di know-how nello sviluppo di aerei e a integrarli nelle tabelle di progettazione di CATIA V5 in modo che gli ingegneri possano sfruttare ripetutamente la nostra esperienza.”

Jim Strawn, esperto di ingegneria,
Cessna Aircraft Company

L’idea (da sola) vale zero

scritto da global il 5 Agosto 2013
 
copertina_CI
 
ITALIA CONTRO RESTO DEL MONDO

(…) Per l’innovazione che nasce in azienda sono necessari quattro elementi: una buona idea da cui partire; le competenze tecnologiche per trasformarla in un prodotto industrializzato; l’infrastruttura per produrre su larga scala con qualità adeguata; la rete distributiva per raggiungere il cliente finale. L’insieme di questi elementi, per quanto di valore, non da però alcuna garanzia di successo. Nel difficile esercizio dell’innovazione, esiste infatti una sostanziale differenza d’approccio tra le abitudini latine e quelle anglosassoni. Le aziende italiane sono mediamente strutturate per gestire le attività ordinarie: produzione, logistica, amministrazione, distribuzione. L’innovazione è considerata attività straordinaria, spesso non programmata, e per questo non è basata su metodi scientifici ripetibili. (…)

Tratto dall’articolo “Caccia al metodo” del numero 7-Agosto 2013 di Corriere Innovazione
 
articoloCI